Conservatorio
t

-

Lezione Concerto: L'Astronomia in Musica

Pianoforte
CONSERVATORIO G. PUCCINI - SP
Lunedi' 19 febbraio 2018 – ore 11,00
AUDITORIUM M. FIORENTINI

L’astronomia in Musica.
Cos'hanno in comune astronomia e musica? Ben poco apparentemente, se si esclude il fatto che siano le più "immateriali" fra le scienze e le arti, costituite come sono, nel caso della musica, da invisibili ed intangibili vibrazioni dell'aria e nell'altro da oggetti immensi e concreti ma lontanissimi ed immodificabili. In realtà, come si scoprirà nella lezione concerto, che vedrà esecuzioni di allievi di diversi strumenti del nostro Conservatorio, i legami fra astronomia e musica sono strettissimi fin dalle origini stesse della civiltà e continuamente rinnovati. Alcuni esempi? Per molte culture l'Universo trae origine da un suono e c'è una vibrazione sonora od un canto preesistente alla nascita stessa dell'universo. Ma, al di là del mito, sono molti i casi di astronomi-musicisti (uno per tutti Galileo, che, discendente di una famiglia di musicisti fiorentini, buon esecutore anch’egli di liuto, pone le basi della fisica musicale studiando assieme al padre, le frequenze del suono, le vibrazioni delle corde, la consonanza e dissonanza degli intervalli musicali ecc.). Sono poi innumerevoli i riferimenti astronomici nelle composizioni musicali (dall'opera al pop); spesso semplici rimandi poetici, ma molte altre volte intenzionali e raffinati


a cura del M° Piero Baruffetti


LOCANDINA